Oggetti parlanti



Lunedì ho pagato al casello autostradale e il casello mi ha detto "Arrivederci!". Il casello successivo era ancora più educato: "Arrivederci e grazie!". Si vede che ha fatto la scuola di alto perfezionamento per caselli. Più tardi parcheggio in un autosilo e l'ascensore mi dice "Piano terra. Scendere". Da quando gli oggetti hanno iniziato a parlare? Da quando si è sentita l'esigenza di fare parlare gli oggetti? Almeno dicessero delle cose interessanti, tipo la citazione del giorno, un proverbio o una notizia ANSA! Oppure l'ascensore potrebbe raccontare una barzelletta durante il viaggio, così, tanto per mettere la gente di buon umore quando va a lavorare. Un casello che dice "arrivederci" però, oltre a essere inutile mette anche un po' in imbarazzo: non rispondere è scortese. Ma rispondere a una macchina è stupido. Alla fine di solito si opta per una via di mezzo, che fa sembrare la botta e risposta un po' surreale:
"Arrivederci e grazie!"
"Ma fottiti."
Penso che un casello dopo tutti gli insulti gratuiti che sente rivolgere continuamente, si sentirà alquanto depresso...che triste vita quella dell'oggetto parlante!

0 commenti:

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.