Pensieri inquietanti

Ieri sera sono andato a dormire che era novembre. Oggi mi sono svegliato che è già dicembre. Come passa il tempo! Queste transizioni mensili mi sorprendono sempre.
Già sono preoccupato per quel che succederà a fine mese..quando in un minuto si passerà dal fidato 2008 all'incognito 2009. Ansia. Tachicardia.
Che mi sono sempre chiesto checcazzo ci sia da festeggiare tanto a Capodanno. Pensateci: quante saranno le persone che hanno accolto festose il 2008 con lo spumante in mano e la lingua di suocera in bocca e che poi sono morte in corso d'anno? Inquietante.

3 commenti:

Amauroto ha detto...

Dicembre inizia con ottimismo

Amauroto ha detto...

Dalle "Operette morali" di Giacomo Leopardi:
XXIII DIALOGO DI UN VENDITORE D’ALMANACCHI E DI UN PASSEGGERE

Venditore. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore, almanacchi?

Passeggere. Almanacchi per l’anno nuovo?

Venditore. Sì signore.

Passeggere. Credete che sarà felice quest’anno nuovo?

Venditore. Oh illustrissimo sì, certo.

Passeggere. Come quest’anno passato?

Venditore. Più più assai.

Passeggere. Come quello di là?

Venditore. Più più, illustrissimo.

Passeggere. Ma come qual altro? Non vi piacerebb’egli che l’anno nuovo fosse come

qualcuno di questi anni ultimi?

Venditore. Signor no, non mi piacerebbe.

Passeggere. Quanti anni nuovi sono passati da che voi vendete almanacchi?

Venditore. Saranno vent’anni, illustrissimo.

Passeggere. A quale di cotesti vent’anni vorreste che somigliasse l’anno venturo?

Venditore. Io? non saprei.

Passeggere. Non vi ricordate di nessun anno in particolare, che vi paresse felice?

Venditore. No in verità, illustrissimo.

Passeggere. E pure la vita è una cosa bella. Non è vero?

Venditore. Cotesto si sa.

Passeggere. Non tornereste voi a vivere cotesti vent’anni, e anche tutto il tempo passato,

cominciando da che nasceste?

Venditore. Eh, caro signore, piacesse a Dio che si potesse.

Passeggere. Ma se aveste a rifare la vita che avete fatta né più né meno, con tutti i

piaceri e i dispiaceri che avete passati?

Venditore. Cotesto non vorrei.

Passeggere. Oh che altra vita vorreste rifare? la vita ch’ho fatta io, o quella del principe,

o di chi altro? O non credete che io, e che il principe, e che chiunque altro, risponderebbe

come voi per l’appunto; e che avendo a rifare la stessa vita che avesse fatta,

nessuno vorrebbe tornare indietro?

Venditore. Lo credo cotesto.

Passeggere. Né anche voi tornereste indietro con questo patto, non potendo in altro

modo?

Venditore. Signor no davvero, non tornerei.

Passeggere. Oh che vita vorreste voi dunque?

Venditore. Vorrei una vita così, come Dio me la mandasse, senz’altri patti.

Passeggere. Una vita a caso, e non saperne altro avanti, come non si sa dell’anno

nuovo?

Venditore. Appunto.

Passeggere. Così vorrei ancor io se avessi a rivivere, e così tutti. Ma questo è segno che

il caso, fino a tutto quest’anno, ha trattato tutti male. E si vede chiaro che ciascuno è

d’opinione che sia stato più o di più peso il male che gli e toccato, che il bene; se a

patto di riavere la vita di prima, con tutto il suo bene e il suo male, nessuno vorrebbe

rinascere. Quella vita ch’é una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che

non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà

a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?

Venditore. Speriamo.

Passeggere. Dunque mostratemi l’almanacco più bello che avete.

Venditore. Ecco, illustrissimo. Cotesto vale trenta soldi.

Passeggere. Ecco trenta soldi.

Venditore. Grazie, illustrissimo: a rivederla. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari

nuovi.

Il Fulmicotonato ha detto...

Eh già, bella citazione

E' più o meno il discorso che ho fatto ieri col mio edicolante...alla fine anch'io mi sono fatto convincere sulla bellezza della vita futura e sono uscito col calendario di Max...

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.