Il velo













Le reazioni delle persone sono imprevedibili.

Ero a un addio al nubilato ed alla futura sposina avevano fabbricato un finto velo composto da una coroncina di fiori e uno strascico ricavato da una di quelle coperte di carta che usano in ambulanza.

Ad un certo punto, vedo una ragazza (che mi si era presentata qualche minuto prima, tutta gentile) che prende il velo alla sposina, se lo mette in testa e si guarda davanti allo specchio.

Io passavo da lì e, mentre era lì che trafficava col finto velo, le dico: "Si vede proprio che non vedi l'ora di sposarti!"

La reazione è stata:
- sguardo truce
- si è tolta subito il velo
- e mi ha detto, da incazzata: "Come ti permetti?Non dirmi mai più una cosa del genere!!"

Questa è pazza.
Qualche minuto dopo mi dice: no, perchè tu non sai, perchè io sono single (detto con tristezza infinita) e me ne sono già successe di tutti i colori, ho avuto delle esperienze brutte, non mi sposerò mai..
Ho pensato che effettivamente se reagisce così, rimarrà single ancora per un po'!

Però, proprio perchè IO NON SO.. non si dovrebbe rispondere come se io SAPESSI!

Come se, visto che da piccolo mi sono ustionato con un accendino, al primo che mi chiede gentilmente se ho da accendere gli dicessi:
"Come osi??Non chiedermi mai più una cosa così!Brutto bastardo!"

2 commenti:

Rieccomi ha detto...

mi piacerebbe che, così come hai ben delineato la sindrome della crocerossina (a proposito, la battuta su Rocco Siffredi è geniale) tu facessi una esamina anche della sindrome di Biancaneve, meno nota eppure molto più diffusa. Tutte queste ragazze a cui fin da piccole viene fatto il lavaggio del cervello, convincendole che il "lieto fine" ci può essere solo con un velo in testa e un altare davanti. Che poi quello è solo l'inizio (della vita a 2, dei compromessi, dei sacrifici, dei mutui da pagare, delle notti insonni coi bimbi, ecc ecc) e può essere lieto con o senza una fede al dito, e può essere anche lieto con una serie di incontri, non necessariamente con un unico principe azzurro. Insomma, bisognerebbe vederla un po' come nella canzone "L'amore conta" di Liga.

Il Fulmicotonato ha detto...

Hai perfettamente ragione. Giro la richiesta alla Dottoressa Budweiser, che provvederà a rispondere in maniera esaustiva :)

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.