La calcinculizzazione












Ci sono delle persone che si comportano in modo riprovevole. Non commettono dei veri e propri reati, quindi non sono punibili, ma ti verrebbe da prenderli a schiaffi per i loro comportamenti irritanti, ed è un peccato che la passino liscia.

Allora propongo di istituire la loro calcinculizzazione: un bel calcio in culo sulla pubblica piazza da parte di tutti quelli si sentono turbati da un loro comportamento censurabile o da una loro dichiarazione ai limiti della decenza.

Ecco degli esempi di persone a cui elargirei calci in culo con sommo gusto :
  • Alla madre di Sanaa (la ragazza musulmana uccisa dal padre perchè usciva con un italiano), quando ha dichiarato "Sanaa ha sbagliato. Perdono mio marito". Ecco a questa qua un bel calcio volante a girare in stile Walker Texas Ranger farebbe solo bene.
  • A Feltri non ne parliamo, gliene somministrerei uno al mattino, preventivo, e uno alla sera, perchè durante il giorno qualcosa ha combinato di sicuro.
  • A quello che mi ha rubato il ciclamino sulla tomba. Si, vabbè, rubare è reato, ma non lo denuncerei per quello. Secondo me un sonoro calcio in culo light (col collo del piede) è più utile ed immediato per fargli capire che rubare ai morti è una cosa sbagliata (e porta pure sfiga).
  • Ai parlamentari no perchè altrimenti non riuscirebbero più a lavorare perchè sarebbero continuamente calcinculizzati, in maniera bibartisan. Ci vuole l'immunità calcincul-parlamentare
  • A quelli che vendono cibi contraffatti o lucrano sulla salute degli altri facendo porcate in campo medico. A questi oltre alla pena regolare, aggiungerei una ripassata con delle belle scarpe antinfortunistica a punta rinforzata.
E la lista sarebbe lunghissima

Chissà voi chi calcinculizzereste (oltre al sottoscritto Fulmicotonato). Sicuramente c'è qualche ex che vi ha combinato qualcosa. Un bel calcione con rincorsa e poi amici come prima!

Switch off












Oggi qui in zona hanno spento i ripetitori. Così, all'improvviso. E' arrivato un signore e ha staccato la spina. ZAC! Nooooo...proprio mentre guardavo ensìaiès!

Se accendete la televisione, vi appare una poco rassicurante videata sabbiata a puntini bianchi e neri su tutti i canali. Se decidete di passare al decantatissimo digitale terrestre, vedrete una ancor meno rassicurante videata completamente nera tipo televisore spento.

Effettivamente la pubblicità lo diceva che aumentava la definizione: da un nulla a puntini ad un nulla bello nero ad alta definizione.

Oddio, come faremo?? Mi perdo la stronzata del giorno di Berlusconi! Oggi è pure il suo compleanno sicuramente si starà esibendo in qualche sua solita dichiarazione degna del circolo della briscola.
Come faremo senza: ForumPortaportaLaprovadelcuocoXfactor IfattovostriChetempochefaBeautifulStriscialanotiziaLepartitedicalcio e bla bla bla??

Si rischia una crisi di astinenza che non ne vedono così nemmeno a San Patrrignano. E se la gente per occupare il tempo si mette a figliare a manetta? I figli del blackout. Anzi, i figli dello switch off, come lo chiamano loro. Buongiorno, sono un figlio dello switch off. Poverino, mi spiace.

O, peggio, c'è il rischio che la gente si disintossichi dalle stronzate mediatiche e abbia l'illuminazione. C'è una realtà la fuori! C'è il sole...ed è pure più grosso di quello che compare nello schermo!

Incredibile come a volte basti staccare la spina per vedere la luce!

I saldi di fine infrazione












Ieri mi hanno fermato i carabinieri.

Anzi, a dire il vero mi hanno fatto un inseguimento di un chilometro, poi mi hanno sorpassato e placcato, facendomi un eloquente segno sporgendo la paletta dal finestrino.

Accosto.

Si avvicina un carabiniere.

- Ma non ha visto che là c'era il divieto di fare quello che lei ha fatto?
- No.
- Patente e libbretto.

Si allontana il carabiniere.
E va a controllore i miei documenti col suo collega.

Confabulano un po' tra di loro, controllano se ci sono mie foto segnaletiche, sfogliano il codice della strada e scrivono un metro di verbale.

Si riavvicina il carabiniere.

- Scenda dall'auto e mi segua

- Senta, le dobbiamo fare 105 euri di multa e toglierle 10 punti dalla patente. Ha qualcosa da dichiarare?
- Si: minchia! Giuro che Sollecito non lo conosco, a Garlasco non ci sono stato nemmeno in ferie e con la Franzoni ci ho preso un caffè una volta, ma non eravamo in confidenza..
- Vebbè, senta, le facciamo 38 euri e non le togliamo punti. Ma non si faccia più beccare a fare quello che non deve fare in questo tratto di strada.

- Ok, grazie, gentilissimi. Scusate il disturbo. Arrivederci, grazie ancora...

Però ripensandoci, secondo me sta cosa qui di ringraziare perchè mi hanno fatto una multa non ha molto senso.

I ciclisti fanno click clack












Il bar è un luogo che mi piace, perchè è un luogo di passaggio. E passa di tutto.

A volte succede che sono al bancone a sorseggiare un cappuccino e sento un rumore alle mie spalle: click clack click clack.

Rumore inconfondibile: è un ciclista che si avvicina. Un ciclista da corsa, quelli tutti vestiti colorati più di Platinette quando si sente euforica. Con i pantaloncini aderenti col Pampers dentro.
I ciclisti fanno click clack perchè indossano quelle scarpette con la suola di plastica con l'aggancio per i pedali. D'altra parte mica possono togliersi le scarpette e mettersi le pattine a forma di orso Baloo prima di entrare nel bar.

Di solito chiedono: "Scusi, mi dà le chiavi del bagno?".."grazie"..e si dirigono verso il bagno con l'andatura sicura di Charlie Chaplin: click clack click clack click clack.

Ok le scarpette, ma trovo curioso il fatto che TUTTI i biciclisti da corsa entrino nel bar col casco in testa. E sorseggino il caffè col casco in testa. E paghino il caffè col casco in testa.

E io li osservo preoccupato perchè secondo me hanno avuto la soffiata che la mensola degli alcolici sopra al bancone sia pericolante.

Burattini di carta












In questo blog non ho mai censurato i commenti di nessuno. Nemmeno volgari o anonimi o quant'altro. Ma mi sono chiesto: anche le grandi testate giornalistiche sono così democratiche?

Allora ho fatto un esperimento ardito. Sono andato sul sito de "Il Giornale" di Feltri, ho preso un articolo di un tal Ludovico Festa, questo, e ho notato che curiosamente NESSUN commento era in disaccordo con l'articolo. Possibile?

Allora ho inviato io un commento contrario. Nessun insulto o termine censurabile come da policy del sito. Ho espresso semplicemente il la mia disapprovazione verso questo articolo, concludendo con:

"Dai commenti qua sopra sembra che siano tutti berlusconiani convinti oppure anti-Repubblica. Un po' strano. O molto semplicemente i commenti contrari non li pubblicate. Come sono sicuro succederà con questo mio commento, dimostrando cosa sia per voi la democrazia o libertà di espressione"

Infatti non l'hanno pubblicato. E qui si vede la faziosità di certi giornali: pubblicano solo le notizie che vogliono, come vogliono e nascondono i commenti "scomodi": ottimo esempio di giornalismo.

Ciliegina sulla torta..nell'articolo che ho criticato accusano un altro giornale di faziosità... che miti!

Game time












E' da un po' che non faccio un giochino, eccolo qui.

Quella che segue è la scritta che i poeti del marketing hanno piazzato su un prodotto di uso comune. Provate ad indovinare di che prodotto si tratta.

"Da sempre, la X trasforma in benessere i gesti quotidiani e regala comfort a tutta la famiglia.
Oggi ti portiamo una nuova X, con una trama speciale da vedere e da sentire, morbida e consistente come piace a te.
E' un piccolo dettaglio che rivela la nostra grande attenzione per te e per le persone che ami."

Che cos'è X?

Golden Drunk












Da oggi metto in palio il premio Golden Drunk, assegnato alla persona che nel corso d'anno si è maggiormente distinta compiendo l'azione più bizzarra e/o estrema e/o assurda sotto gli influssi alcolici. Premio sempre più difficile da vincere, a causa delle norme del codice della strada via via più restrittive.

Si aggiudica il premio Golden Drunk 2009 (e vince una collezione intera di peli pubici maschili raccolti nei vespasiani degli Autogrill)
...
...
rullo di tamburi (la velina mi sta portando la busta) ...
...
...il tizio che ieri sera verso le due e mezza del mattino stava dormendo sul tettino di una Seat Ibiza, in un parcheggio lungo la statale (di fronte ad un pub, of course).

Mentre pioveva.

Dormire..male












Ho un mal di denti fortissimo.

Per darvi un'idea, il mal di denti che ho è come se mi tenessero un trapano acceso con la punta (3 mm, da legno) piantata fissa in un dente.

Il dolore è intenso e costante. Se si pensa al dolore ho notato che diventa ancora più doloroso, allora bisogna distrarsi pensando ad altro.

La Settimana Enigmistica, ad esempio, mi dà sollievo perchè distrae a sufficienza. Finchè non sono arrivato alla definizione "strumento odontoiatrico per la rimozione del tartaro".

Allora ho provato a guardare un film, ma Fast and Furious 4 era talmente orrendo che così, oltre a sperare che il dolore finisse in fretta, speravo che anche il film finisse in fretta.
Sono finito a pensare al dolore per non pensare a quanto fosse brutto il film.

Il dolore era talmente forte che se fosse stato causato da tortura a quest'ora, per farlo smettere, avrei già confessato qualunque cosa. Anche che amo scaricare abitualmente materiale pedopornocrafico mentre sodomizzo un capretto, cantando Haidi. Cosa falsissima, perchè di solito canto "Sarà perchè ti amo" dei Ricchi e Poveri.

Mi sono guardato intorno in camera, ma non sono riuscito ad individuare altre distrazioni sufficientemente distraenti.

Così ho deciso di cercare di addormentarmi. E, incredibilmente, ho scoperto che è possibile addormentarsi mentre hai un trapano che ti trivella continuamente il nervo dentario causandoti un fastidio fortissimo.

Un po' come riuscire ad addormentarsi davanti ad un comizio di Borghezio.

Parcheggi umidi












Oggi diluvia.

Quando diluvia vado a parcheggiare in piazza in zona disco, senza mettere il disco perchè tanto nessuno viene a farmi la multa e ad appiccicarla sul vetro bagnato.

In Inghilterra piove spesso.

Un giorno ero là in una giornata piovosa. Vedo un vigile con l'impermeabile che si avvicina a una macchina in divieto di sosta. "Adesso se ne va" ho pensato.

Invece ha preso il taccuino, ha fatto la multa e, prima di piazzarla sotto il tergicristallo, l'ha infilata in un'apposita bustina di nylon impermeabile.

Noi può












Stavo guidando tranquillo sulla provinciale, quando da uno spiazzo laterale un furgone di quelli arancioni del corriere TNT si immette senza dare la precedenza a nessuno e bloccando il traffico nell'altro senso di marcia.
Alla fine taglia la strada anche a me, che devo inchiodare e me lo ritrovo davanti.

D'istinto mi chiedo: "Ma si può fare una manovra del genere??!"

Poi leggo dietro al furgone il loro motto:

"Sure we can"

Pacata autocelebrazione












Oggi, alla Maddalena, Silvio Berlusconi ha dichiarato:

"Sono il miglior presidente del Consiglio in 150 anni di Storia"

La Protezione Civile è stata impegnata tutto il pomeriggio ad aprire le finestre per fare uscire la cazzata.

I Mike












Tempi duri per i "Mike"..
Prima Micheal Jackson...poi Mike Bongiorno.

In questo momento Michey Mouse sta disperatamente cercando di toccarsi le palle, ma non gliele hanno mai disegnate.

Icone sanguinolente












Stavo facendomi un giretto con lo scooter su stradine in mezzo ai boschi quando mi sono imbattuto in un pilone votivo con la classica rappresentazione della Madonna.

Mentre gli stavo sfrecciando davanti, butto l'occhio e mi è parso di vedere la Madonna che perdeva gocce di sangue.

Miracolo!

Allora mi fermo, torno indietro e guardo meglio...

Non era un miracolo.
Infatti non perdeva sangue dagli occhi come tutte le altre madonnine miracolose.

Stava sanguinando dal naso.

Niente di strano, a volte succede anche a me.

Ma tu lo conosci?












Quelli che quando scoprono che tu vieni da un certo paese, cominciano a farti tutto l'elenco dei loro conoscenti che abitano in di quel paese.

Li odio quelli.

Voglio dire...se poi capita che entrambi conosciamo lo stesso tizio, cosa succede?
Ci autoinvitiamo tutti a cena a casa sua? Gli compriamo insieme il regalo di compleanno?

Non l'ho mai capito. Però è una tecnica di approccio abbastanza usata. Quasi quanto "Ha visto che oggi è nuvoloso?..speriamo che piova perché sono mesi che non piove e i campi sono già secchi".
Almeno, da noi che è pieno di campi la utilizzano frequentemente.

Di solito, quelli dell'approccio "conoscenze paesane" li stronco subito sul nascere. Quando cominciano a chiedermi se conosco Tizio, gli rispondo: "No, guarda IO ABITO LI' MA NON CONOSCO NESSUNO PERCHE' IN REALTA' SONO SEMPRE IN GIRO, HO AMICI DI FUORI E LAVORO DA UN'ALTRA PARTE..".
Molto spesso funziona.

Ieri sera però ho trovato un interlocutore particolarmente tenace.

Ero a una agreste festa di paese, di quelle grezze che piacciono a me, a mangiare le trippe. C'erano le classiche tavolate lunghissime sotto il classico tendone.
Più di quattrocento esemplari di umanità variegata. Affamati.
Ti siedi dove trovi posto, e così sono finito vicino a un signore.

Che dopo un po' mi fa:
"Tu di dove sei?" (io già temevo)
"Sono di X."
E lui: "Aaah!Bel posto X!Ci andrei a abitare a X!"

Fa una pausa e inizia:
"Ma tu, Garelli...lo conosci Garelli?"
E io: "No, non so chi sia"
"Ma si dai..quello che faceva il macellaio, con pochi capelli in testa, alto, che va sempre in bici.."
"No, non lo conosco Garelli."

"E Giannino Gamba Corta?...lo conosci Giannino Gamba corta?"
"No, non lo conosco."
"Ma si, dai...quello che zoppica perchè da piccolo aveva messo il piede in una tagliola...quello che c'ha la figlia che ha sposato Aldo, il muratore...dai, la figlia avrà la tua età.."
"No, non lo conosco Giannino, e nemmeno Aldo e neppure la moglie..e la storia della tagliolamnon l'ho mai sentita"

A quel punto ho provato a dirgli "No, guarda IO ABITO LI' MA NON CONOSCO NESSUNO PERCHE..."
Ma non mi ascoltava nemmeno.

"E Margaria?...lo conosci Margaria?"

Era impossibile fermarlo. Stava facendo l'elenco di tutti gli abitanti, con gossip incluso e alberi genealogici che andavano dai bisnonni ai pronipoti.

Allora gli ho risposto:
"Si, lo conoscevo Margaria! E' MORTO."
"Ma dai, morto? Ma l'ho visto..sarà sei mesi fa..sebrava in forma"
"Eh, lo so...un infarto: zac!Non se n'è nemmeno accorto. Il giorno prima l'ho visto in panetteria, il giorno dopo era già orizzontale"
"Oh, poveraccio"
"Eh, si."

"E Gianni del Bar Roma, lo conosci.."
"Morto anche lui.Un incidente. E' scivolato su un cappuccino e ha battuto la testa sul bancone..."
"Oh, poveraccio"
"Eh, si."

Al terzo che gli ho fatto morire non mi ha più chiesto niente.

Subito dopo però ha fatto amicizia col signore che aveva difronte.

Ho sentito che gli diceva:

"Tu di dove sei?"
E l'altro: "Sono di Y."
E lui: "Aaah!Bel posto Y!Ci andrei a abitare a Y!"

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.