Monete paleozoiche












Non ci posso credere.
Giuro, l'ho sentito. Non credevo ce ne fossero ancora di perone che facessero 'sti confronti. Pensavo che ormai non lo dicessero più.
E invece eccolo lì.. Entro in un bar e lo sento. Un tizio stava dicendo:

"L'affitto della vetrina mi costa ben set-tan-ta-cin-que Euro!Sembra poco, invece sono ben CENTOCINQUANTAMILA delle vecchie lire! La crisi ci sta uccidendo..."

Centocinquanta delle vecchie lire...
Ma voi ve le ricordate ancora come sono fatte le vecchie lire?Sono passati OTTO anni dall'introduzione dell'Euro e mi tocca ancora sentire gente che fa il paragone con una moneta che non si usa più da quasi dieci anni. Tantovale equipararla con altre valute a caso..
"No,perchè 75 euro sembrano pochi, ma sono BEN 1.347 Birr Etiopici!"
E grazie al cazzo!
Almeno il Birr etiopico esiste ancora.

Che in realtà, col cambio esatto, i tuoi 75 euro schifosi sarebbero 145.220 lire. Poi aggiungici otto anni di inflazione, e i tuoi 75 euro marci diventano esattamente:
125.000 puzzolenti lire.
E tu mi fai ancora il confronto?

Dico solo che qualche tempo fa con 300.000 rupie indonesiane ti pagavi un bel soffocone asiatico, ora non ti bastano nemmeno per una stanza d'albergo a Martapura. E' una vergogna!Dove ci porterà la crisi?!

Disorienteering e voci amiche












Gli ultimi navigatori satellitari ti danno la possibilità di impostare la voce di un tuo amico o familiare che ti guidi verso la meta. Ad esempio ci puoi impostare la suocera che ti dice "Alla prossima gira a destra, cretino!" oppure "Hai imboccato la strada sbagliata, l'ho sempre pensato che fossi un buono a nulla!" oppure "Hai raggiunto la destinazione.Era ora!".

Beh, in questo caso non ne venderebbero molti.

Impostarci la voce della mamma è peggio ancora perchè poi per il 20% del tempo ti dà indicazioni utili e per il restante 80% ti fa raccomandazioni del tipo: vai piano, non dare passaggi agli autostoppisti, non alcolizzarti mentre guidi, metti il golfino che prendi freddo...

Col nonno non ne parliamo. "Alla prossima dovresti girare a sinistra, tra quelle case nuove. Qui una volta era tutta campagna. Ti ho già raccontato di quando da piccolo venivo a giocare da queste parti? Era appena finita la prima guerra mondiale quando..."

Non resta che metterci la vocina della fidanzata o della moglie.
Ora, mi rivolgo al pubblico maschile. Come ben sapete, le ragazze solitamente difettano di un minimo di senso dell'orientamento.
Conosco ragazze non riescono a trovare nemmeno la stazione Termini. Arrivandoci in treno.

Per cui l'associazione ragazza-orientamento risulta alquanto stridente. Per noi uomini, una ragazza che ci dia indicazioni stradali è una cosa inconcepibile. Esclusa la voce femminile standard dei navigatori satellitari: navigatori programmati da uomini.

Ma la voce della propria dolce metà non è assolutamente credibile, orientativamente parlando. Specialmente dopo la volta che, cartina alla mano, invece di portarvi alla sagra del cipollotto saporito in Piazza Grande, vi ha condotto dritto nella periferia malfamata della città, dove vi hanno rubato le gomme mentre eravate fermi al semaforo.

Per cui tendo ad andare a destra quando una ragazza mi dice sinistra e viceversa. E puntualmente raggiungo la meta. Il mio navigatore lo personalizzerei così, al contrario. E' incredibile come le ragazze abbiano un perfetto senso del disorientamento. Come se avessero in testa i punti cardinali nord-sud scambiati.
Anzi, come se avessero in testa una cartina al contrario.

E comunque vuoi mettere che divertente la voce di vostra moglie che, quando arrivate a casa dell'amante vi dice "Mio dolce babbà farcito di crema golosa: hai raggiunto la tua meta!Bravo!"

Grazie.Hihihi

Assolutamente












Adoro la parola "assolutamente": la si può utilizzare per mentire spudoratamente quando si è in pieno disaccordo con il proprio interlocutore (ad esempio il vostro capo) senza venire beccati.

Esempio.
  • Capo: E' d'accordo con me sul fatto che una riallocazione delle scorte nel nuovo magazzino renderebbe più efficiente la gestione delle commesse?
  • Io: Assolutamente!
(inteso come assolutamente NO, ma il capo non si deve mai contraddire)

Oppure si può sfruttare l'ambivalenza di questa magica parolina semplicemente quando non capiamo una domanda o non sappiamo se l'interlocutore si aspetti da noi una risposta affermativa o negativa.

Esempio.
  • Interlocutore: Lei per caso ritiene che il criterio metodologico auspichi il ribaltamento della logica assistenziale preesistente in maniera articolata e non totalizzante recuperando ovvero rivalutando una congrua flessibilità delle strutture?
  • Io: Assolutamente!

Ecco alcuni esempi di frasi in cui potrebbe risultare utile l'utilizzo di questo avverbio.

Caro, ti sei ricordato di dare da mangiare al gatto?
Hai invitato anche mia madre a cena a casa nostra domani,vero?
Cara, ti sei ricordata di prendere la pillola ieri?
Tua madre mi ha detto che da piccolo mangiavi le formiche, è vero?
Hai mai avuto dei rapporti non protetti con quei transessuali cinquantenni che bazzicano alla stazione?

E' stato lei ad uccidere Chiara Poggi?

Fare critica criticosa












La recitazione di Giorgio Faletti in Cemento Armato è stata così terribile che se avesse dovuto interpretare un paracarro, si sarebbe mosso.
Un film orrendo, Cemento Armato..l'avete visto?

C'è il tipico cattivone gangster dei film 'mericani ma trapiantato a Roma (?!?!), impersonato da un Faletti che con accento piemontese dice cose del tipo:
"Devi spezzare le gambe a quel ragazzo perchè mi ha rotto lo specchietto retrovisore della macchina nuova, neh!".
Ma vi sembra credibile? Un bugianen alla guida nel businness del narcotraffico de Roma,...un applauso agli autori per la fantasia!

Il film vuole che in una città delle dimensioni della Capitale ci siano in tutto cinque o sei personaggi che PER PURO CASO continuano a pestarsi i pedi a vicenda. Una roba che per questioni probabilistiche potrebbe succedere solo in un ambiente delle dimensioni dello sgabuzzino di casa mia.

L'unica cosa che alza il livello della proiezione è che, a un certo punto, si vede un bel paio di tette.

Ma vediamo come sono messi all'estero.

Ho visto l'ultimo dei fratelli Coen: A Serious Man. Che dici...minchia,oh.. i fratelli Coen sono i fratelli Coen, mica i Vanzina.

Ma io il film loro, dei Coen non dei Vanzina, non l'ho capito.


Ti spari tutta la pellicola e poi pensi: "E beh?".
Non succede niente. Cioè, succedono delle cose ma se non succedessero il film non cambierebbe. Non c'è un finale né scene concludenti né una trama. L'unico momento veramente significativo è l'intervallo.

RICETTA: Prendi 1kg di aria, la friggi per due orette senza nemmeno aggiungere sale e aromi naturali e la servi al cinema.

Ma si sono persi dei pezzi nel montaggio?Ci hanno pure attaccato un pezzo di un altro film che non c'entra niente. Se ci avessero aggiunto anche un dieci minuti di filmino delle ferie del cameraman l'avremmo considerato un'opera d'arte?

Che in sala alla fine c'avevano tutti la faccia di quelli che avevano capito tutto e che il film gli era piaciuto.
Ma secondo me nemmeno loro, gli altri spettatori, ci avevano capito niente.. ma non volevano fare la figura degli sfigati ignoranti.

Perchè fare una critica veramente criticosa non è semplice quando sei al cinema con gli amici la domenica sera e cominci a pregustarti la birretta al pub che arriverà subito dopo la proiezione.

Ennesimo regalo alla SIAE












 Usate un iPod? Una penna usb? Un telefonino? Un PC?

Bene, forse non sapete che il 30 dicembre il governo ha introdotto l'ennesima tassa da pagare alla SIAE su tutti i prodotti tecnologici dotati di memoria che possono riprodurre opere artistiche.

Ad esempio sull'acquisto di un lettore MP3 si paga da 0,64 a 12,88 euro a seconda della dimensione della memoria. Contato che ormai si trovano dei lettori a pochi euro è una bella mazzata. E un gran regalo immotivato alla SIAE.

Sugli hard disk esterni fino a 20 €, sulle chiavette usb fino a 9 €, per una memoria inserita in un decoder si arriva a 32,20 €.

Se volete sapere chi ha firmato questa porcata, è il ministro Sandro Bondi. Avete presente? Quello che non ha un momento libero per ascoltare un lettore mp3 perchè passa il 90% del proprio tempo a leccare il culo alla Chiesa. E il restante 10% a fare leggi geniali come questa. Quel personaggio ha una faccia che dice tutto.

Ora, tenuto conto che già si pagava una tassa sui supporti da masterizzare, ad esempio sui CD e DVD; tenuto anche conto che già si paga la SIAE quando si compra un file mp3, proprio non si capisce perchè poi per ascoltarlo si debba ri-pagare un'altra tassa.
Oppure secondo il "filosofo" Bondi uno compra un file mp3 e poi lo usa come soprammobile?

La cosa si spiega solo col fatto che la SIAE è una lobby fortissima nel governo. Forse non tutti sanno che, ad esempio,  il figlio di Gianni Letta, Giampaolo è l'amministratore delegato di Medusa Film...una curiosa coincidenza?

Ora, visto tutto quello che pago di SIAE, mi sento autorizzato a scaricare dalla rete tutto il possibile!

Se poi siete degli autori e volete proteggere le vostre opere, potete iscrivervi ai Creative Commons, come ho fatto per questo blog. Non ricevete diritti, ma è gratuito. Se invece scrivete canzoni e volete i diritti, vi consiglio la SIAE francese, la SACEM, è molto più onesta: non pagate niente a rimanere iscritti , si trattiene una parte di diritti, ma solo nel caso che questi diritti effettivamente li incassate.In Italia per essere iscritti alla SIAE si paga una quota annuale di 89,70 €, col risultato che i piccoli autori non si pagano nemmeno le spese.

Insomma, la SIAE tra i soldi che incassa con la ladrata sui supporti elettronici, coi i diritti che bisogna versargli per musica dal vivo o che passa per radio, con le mazzate che si prende dalle discoteche, con la percentuale che si piglia sui biglietti di qualunque spettacolo, con la tassa annuale d'iscrizione... mi sembra che faccia più i propri interessi e quelli delle case di produzione che che interessi degli autori.

Beh, poi autori che che non si lamentano ce ne sono...
Ad esempio Vasco Rossi non l'ho mai sentito mugugnare. A parte quando canta.

Isterismo e criceti













Sono ISTERICO.
Per il lavoro. Troppe cose da fare, tutte insieme.
Se si fanno troppe cose tutte insieme, si fanno male.

Se si sceglie di farne una per volta, si scopre che si sarebbe dovuto farne PRIMA un'altra.

Ma ormai è troppo tardi perchè si è già fatta QUESTA cosa... che oltretutto a posteriori è risultata assolutamente INUTILE.
Fretta fretta fretta.
Fretta di schiantarsi contro un muro di errori, dopo avere fatto MALE un lavoro per via della FRETTA.
Ma lentamente non si può fare, perchè questo porterebbe via tempo per impostare altri TRE lavori. Per impostare MALAMENTE altri tre lavori.

Alla fine l'unica cosa che ne consegue è l'isterismo. Puro, malsano fastidioso isterismo.

L'isterismo nuoce gravemente te e chi ti sta intorno.

Ho una voglia matta di schiacciare ripetutamente il tasto "g"  del PC in modo ossessivo compulsivo, per sfogarmi.
Anzi, ora lo faccio:
g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g g

Ecco,ora mi sento più rilassato....anzi, lo faccio ancora un po', stavolta più velocemente:
gggggggggggggggggggggggggg

Va quasi bene.

Mi sto calmando.

Il tasto g è meglio dello psicologo.secondo me quelli che fabbricano i computer ce lo mettono apposta. da usare, ad esempio, quando il pc ti si pianta a metà di un lavoro non salvato.

Domani ho una giornata simile a questa. Magari mi stacco il tasto g e me lo porto dietro, da usare in caso di necessità. Forse anche il "k" funziona bene. Proviamo:
k k k k k k k...no, non è la stessa cosa.

Perchè bisogna ridursi così a lavorare? Perchèèè? Ho voglia di uccidere qualcuno..


Per fortuna che almeno ho trovato questo modo di sfogarmi che limita e concentra la mia violenza sui due centimetri quadrati di questo utilissimo tastino. Conosco gente che per sfogarsi fa cose molto peggiori quali, ad esempio, partecipare ad una discussione da Amici di Maria de Filippi.

Io stesso prima della scoperta dell'efficacia del tasto g, usavo criceti vivi come schiacciastress. Che producevano anche un simpatico "squit!" strizzandoli.

Ho dovuto smettere perchè si rompevano troppo frequentemente.

Fannobene fannomale












Nei giorni passati ho scoperto che spararsi tra i 3 e i 5 caffé al giorno non solo non fa male ma anzi aiuta a prevenire il cancro, in particolare quello alla prostata.

Essendo sotto la soglia di beneficio, ho aumentato la mia dose giornaliera di caffeina, ottenendo la prevenzione dal cancro e un'insonnia che mi ha fatto guadagnare ore preziose che altrimenti avrei impiegato in cose inutili come ad esempio dormire.

E' bello quando dimostrano scientificamente che le cose che hai sempre creduto fossero dannose per il fisico, fanno invece BENISSIMO.

Nell'attesa di supporto scientifico, già da tempo ho cominciato a beneficiare di varie attività attualmente considerate "nocive", sicuramente a torto. Sono certo che un giorno la storia mi darà ragione.

Quindi non lesino e bere smodatamente alcolici; a mangiare roba a base di grassi vegetali, colesterolo, merendine, dolciumi...insomma: tutto quello che ha gusto; a provare tortini alla cannabis; a andare veloce in macchina; a fare il bagno subito dopo mangiato; a prendere il sole a mezzogiorno; a usare il cellulare; a usare il microonde; a stare ore davanti al PC; a guardare i quiz di Jerry Scotti...

Mi spiace solo che non fumo, perchè anche fumare sicuramente porta dei benefici (ancora) inimmaginabili: quando si scoprirà che prolunga la vita, venderanno le Marlboro in farmacia, tra le Zigulì e i Settebello.

Capodanno agghiacciante














Toh..siamo nel 2010. Siamo già da 7 giorni nel 2010 , ma me ne sono accorto solo oggi quando ho dovuto scrivere una data e al posto di 2009 ho scritto 2010.
Veramente inizialmente ho scritto 2009 al posto di 2010, per abitudine.
Per il resto non è cambiato niente.

In mezzo c'è stato il capodanno, che era una vita che non facevo più alla maniera classica (cenone in un locale + brindisi + lingua di suocera e cappellino) perchè lo trovavo vomitevole. Quest'anno però l'ho rifatto, e mi sono ricordato perchè lo trovavo vomitevole.

Cenone dove devi sborsare cifre immotivatamente alte per una manciata di lipidi e carboidrati mal serviti.

Compagnia di gente mai vista aggregatasi all'ultimo non sapendo dove andare, tra cui tre brutte zitellone acide antipatiche come la morte che probabilmente nessuno ha voluto ad altre feste e che speravano di agganciare qualche giovane single. Ma che, non avendo trovato nessun missionario disponibile al martirio, avranno sicuramente iniziato il 2010 attaccandosi alla canna del gas e lamentandosi col mondo che è tanto crudele con loro che sono tanto delle brave persone.

Anche i tempi della cena erano mal calcolati: a metà del secondo, con l'arrosto ancora tra i denti è partito il conto alla rovescia. Con 5 minuti di anticipo.

Intanto stavano ancora distribuendo lo spumante e io non avevo nemmeno un bicchiere in mano. Infatti dopo il 3..2..1., mentre tutti esclamavano "Buon Anno!", io esclamavo un "Datemi un bicchiere, cazzooo...brutti majali!".Iniziare l'anno urlando "Brutti majali" non è di buon auspicio.

Dopo il brindisi è arrivato il dolce...una fetta di panettone Bauli con una crema misteriosa, che nemmeno i RIS di Parma saprebbero identificare.

Al nostro tavolo ne sono arrivate solo due fette. Le restanti non sono pervenute.

Poi è arrivato il momento della festa: ero già caldo per buttarmi sul tavolo a ballare con un DJ che mette un sacco di musica che pompa, tipo Black Eyed Peas o robe così.
But I've gotta feeling that tonight's gonna be a BAD night. Infatti. c'era una stordita che faceva karaoke.
Il karaoke in corso d'anno riesco a reggerlo al massimo per due minuti. Figuratevi a Capodanno dove tutti quelli che cantano sono ubriachi. La cacofonia ha raggiunto livelli mai visti prima.

I miei timpani sono esplosi più o meno sulla grande hit del momento: "Madonnina dai riccioli d'oro", al che sono uscito di corsa tappandomi le orecchie urlando "Si salvi chi può!"

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.