Vaticinii cittadini













C'è un tizio che di mestiere attacca i manifesti negli appositi spazi per i manifesti in giro per la città. Poi, trascorso un po' di tempo, ritorna e appiccica altri manifesti su quelli che aveva precedentemente appiccicato. Una mano di colla, un nuovo manifesto e via. 

Così la pubblicità dell'orchestra di liscio copre il candidato alle Regionali che è stato trombato proprio prima della festa patronale a cui ha suonato l'orchestra di liscio. Il candidato però aveva coperto a sua volta il manifesto del raduno dei NO TAV: la cosa non sembra casuale, infatti era un candidato a favore della TAV. Il manifesto dei manifestanti NO TAV aveva invece ricoperto in maniera manifesta il manifesto dei saldi di fine stagione. Che a loro volta ricoprirono quelli della STAGIONE, ovvero le pubblicità dei prodotti a prezzo pieno. E così via foglio dopo foglio. 

I manifesti vengono tolti solo dopo mesi e mesi che sono lì; dopo che hanno formato, strato su strato, una specie di libro di storia con le pagine tutte appiccicate. Praticando un carotaggio si potrebbe risalire ad almeno un anno di storia del paese.

Quello dell'attacchino sembra un mestiere del cavolo, ma in realtà è una specie di storico itinerante. Anzi,qualcosa di più. Gli storici scrivono i libri dopo che l'avvenimento è successo. L'attacchino invece anticipa le notizie stesse come un novello Nostradamus. Una specie di profeta for dummies visto che che le sue predizioni sono manifeste (in tutti i sensi) anziché da interpretare.

A volte mi viene il dubbio che sia l'attacchino stesso a fare succedere gli avvenimenti appiccicandoli.

Fortunatamente l'attacchino di quelli funebri invece li appiccica dopo.  Ma secondo me lo fa solo per non creare il panico.

3 commenti:

patèd'animo ha detto...

palinsesto del manifesto.

Usagi ha detto...

chissà se il disboscamento della foresta amazzonica, vale i kili di carta utilizzato per questo nuovo modo di fare storia anticipata...

Vaniglia ha detto...

Bè, io ho un caro amico che, quando ha fatto servizio civile, lo hanno messo a fare l'attacchino in giro per la città su una panda 'scabeccia'... Viaggiava con una pila di manifesti da appiccicare, una scopa e un enorme barattolo di colla che, per comodità, teneva sul sedile posteriore. Un bel giorno gli capitò di frenare un pò troppo di colpo e la colla si è rovesciata. Sedile incollato alla scopa incollata ai manifesti incollati al mio amico che tentava di ripulire la situazione senza riuscirci... Questa è l'immagine che ho io dell'attacchino...

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.