Campanellino













In molti alberghi e qualche negozio c'è il campanellino. Quello classico dei film, che quando gli dai un colpetto sopra produce un simpatico DING!


La gente è sempre un po' intimorita dal campanellino,  non osa tanto suonarlo perchè sembra di rompere le scatole. Allora c'è chi entra e non trovando nessuno alla reception, considera il campanello come ultima spiaggia.

Da quel momento inizia il gioco.

La regola del gioco è una sola: cercare di farsi sentire senza usare il campanellino. 
Se esce qualcuno, hai vinto. 
Se sei costretto a scampanellare, hai perso.

I metodi più comunemente usati sono questi:
- Fingere di entrare di nuovo, ma usando il passo pesante, e chiudendo rumorosamente la porta
- Se si ha in mano un mazzo di chiavi, giocherellarci e farle tintinnare
- Dare dei colpetti di tosse
- Picchiettare con le dita sul bancone
- Canticchiare o fischiettare qualcosa
- Fare finta di parlare al cellulare "Pronto?Sono appena arrivato all'hotel!"

Insomma,c'è gente che per vincere al gioco sfoggia tutta la propria fantasia sonora.

L'altro giorno ero seduto a un tavolino di un bar-pasticceria; il pasticcere era andato in cucina a trafficare con le torte.

Entra una signora e, non vedendo nessuno dietro il bancone, si guarda un po' intorno con aria smarrita.
Poi improvvisamente vede il campanellino:

START: Il gioco è iniziato.

La signora mi vede e sceglie di usare un tecnica classica. Mi chiede (ovviamente a alta voce): SENTA, SA SE C'E' QUALCUNO?
E' caduta nel tranello, ora la faccio perdere. Le dico:
"E' andato dietro cinque minuti fa, ma c'è lì un CAMPANELLINO apposta per chiamarlo"

Ora la signora non può continuare a far finta di non averlo notato. Mi bofonchia un "Ah,si,è vero... grazie" e dà un timido colpetto al campanello. DING! 

Game over.

A quel punto mi alzo in piedi, la indico e le dico:

"AHA! HAI PERSO!"

Poi è arrivato il pasticcere e così non ho sentito cosa mi abbia risposto la signora.

Storia che non reggae














Il sottoscritto suona (se questa parola comprende anche il percuotere ritmicamente sopra dei tamburi con violenza inaudita) in un gruppo rocktechnoskareggaejazzfolkblueslisciopunkabbestiachepompauncasinocolvolumeapalla. 

Un genere effettivamente un po' di minchia.

Comunque, venerdì si è suonato a una bella festa di paese con megapalco, luci, cazzi e mazzi (anche se i cazzi e i mazzi a dire il vero li ho gentilmente declinati).

Ieri una ragazza mi ha detto che era presente all'evento:

- Sono venuta a sentirti!Figo il concerto
- Ah, non ti ho vista in mezzo alla gente...dov'eri?
- Sissì, c'ero, ero in fondo a destra rispetto al palco!
- Beh,potevi almeno venire a salutare!
- Volevo, ma non ti ho visto in mezzo alla gente..dov'eri?
- Sul palco.

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.