Teorema della tartaruga rovesciata













Non sei più giovane quando smetti di andare in palestra per sviluppare gli addominali e inizi ad andare in palestra per ridurre la pancia.

Chiuso per forza













Passeggiavo sotto i portici combattendo il freddo alpino di questi posti arrotolato dentro vari strati di maglie, giacche, sciarpine, guanti e mutande felpate quando buttando l'occhio in un negozio, scopro con orrore che si trattava di una gelateria. Aperta.

No,dico: una gelateria che vende solo freddissimi gelati, torte gelato e ghiaccioli che se li lecchi con le temperature che ci sono in giro ti rimane incollata la lingua e finisci all'ospedale a farti staccare chirurgicamente. "Mi spiace, non ce l'abbiamo fatta a separare la sua lingua dal ghiacciolo alla menta. Lei dovrà vivere così fino a questa primavera"

Ruggeri aveva scritto una canzone un po' malinconica che era "Il mare d'inverno". Ma c'è una cosa ancora più malinconica. E' la gelateria d'inverno. Su cui qualcuno dovrebbe scrivere una canzone malin-conica.

Qua siamo in un posto freddo per molti mesi dell'anno: come ti può venire in mente di tenere aperta una gelateria d'inverno? Dentro c'era una signora (ovviamente) occupatissima a girarsi vorticosamente i pollici, mentre sperava che qualche passante, preso improvvisamente da autolesionismo, decidesse di suicidarsi con una coppetta al cioccolato congestionante.

Accanto a questo negozio, ce n'era un altro. La casa delle torine. Nella via centrale della città, dove quindi gli affitti sono carissimi. Questi vendono solo tortine di vari gusti e di circa 15 cm di diametro. Già me li vedo quando hanno deciso di fare 'sta cosa: 
"Gianni, ho un'idea fighissima!Perchè non apriamo un negozio solo di tortine?In Francia ce ne sono un casino e vanno alla grande.Sono sempre pieni di gente!"
"Si,dai, figata! Apriamolo".

Ma non hanno valutato né che i francesi sono dei divoratori di tortine di 15 cm di diametro, né che il negozio l'avevano visto sulla battutissima passeggiata di Cannes, né hanno calcolato quante tortine avrebbero dovuto vendere solo per pagare l'affitto.

E così anche i tizi del negozio di tortine accanto alla gelateria stavano facendo a gara di giramento di pollici. Cioè, solo uno dei due tizi. L'altro stava buttando nell'umido le tortine invendute. Un umido gigantesco.

E poi ci stupiamo che l'economia non gira. Presto apriranno una boutique della cioccolata calda d'estate. Oppure un negozio che vende solo bacchette per mangiare (ho visto dei negozi così in Giappone e vendevano un casino!). 

Oppure ancora un kebabbaro vegetariano.
Ecco, questa si che è una cosa innovativa! Facciamo girare sullo spiedo un'enorme multistrato di verdurine e insalate compresse. Figata, adesso ne parlo con un amico di quest'idea qua. Oltretutto credo che si stia liberando un posto in centro, dove ora c'è una gelateria.

Barbra Streisand













Anni fa non apprezzavo la disco. Guardavo un po' schifato i tamarri con la techno a manetta in macchina, i finestrini tirati giù anche d'inverno,il gomito fuori e l'immancabile alettone posteriore. E il neon blu sotto l'auto (finchè purtroppo non li hanno proibiti, che a me tutto sommato piacevano).

Io ascoltavo prevalentemente musica rockkettara o roba punkettona.
Adesso invece ho riscoperto la truzzo-music e mi sono tamarrizzato di ritorno. Di brutto. In particolare mi piace, quando parto la mattina presto per una trasferta, mettere radio m2o a volumi indicibili in macchina. Un volume che ti sposta i vestiti addosso ad ogni TUZ della cassa. Così potente che da fuori vedi l'auto che vibra ritmicamente. Dopo un po' comincio anche a ballare, tra lo sguardo sbigottito di quelli che incrocio per strada. Mi sono anche costruito un cubo portatile, ho una palla anni '70 appesa allo specchietto retrovisore, e ho sostituito i sedili posteriori con un divanetto da discoteca, di quelli poi si limona dura con una sconosciuta con la bocca impastata di Mojito.

Proprio il ritmo della cassa che spinge ti induce in uno stato catatonico fighissimo che è meglio della droga. E questa cosa qua la sapevano già da secoli alcune tribù africane che si stordivano col suono ritmato dei tamburi, cosa che non succede con un pezzo rock. Coi Green Day, ad esempio,  rimani lucido, alive and kickin'; i Muse che hanno anche suoni elettronici equivalgono a una cannetta leggera. Ma un po' di trip te lo puoi già fare con un Vip in Trip di Fabri Fibra.

Poi ieri mi sono sparato endovena, anzi endotimpano, una dose di Barbra Streisand, seguita da una sniffata di Hello. Droga pura. Roba che la metti mentre guidi e entri subito nello stato ipnotico per poi svegliarti solo quando il pezzo finisce, che ti guardi intorno e non sai a che punto della strada sei e come ci sei arrivato.E soprattutto non sai su che pianeta sei stato mentre guidavi.

Oltre a alcol e droga, sono convinto che il codice della strada dovrebbe vietare anche Barbra Streisan

Avvisi precisi













Un normale cartello "Torno subito" poteva sembrare troppo vago al tizio che ha un ufficio qua vicino. Allora ha pensato bene di mettere un'indicazione molto più precisa per un eventuale avventore.

Infatti questo genio del male ha appiccicato fuori dalla porta un bel foglio bianco con su scritto esattamente:

"Torno tra mezz'ora."

Vivere inconsapevolmente













Riflessione sulla vita.
Fare le cose consapevolmente è cosa buona. Ma farle giuste in maniera inconsapevole dà più soddisfazione.

Voglio dire: se sapete che alle 18 parte l'ultimo treno vi organizzate, guardate l'ora di continuo e riuscite a prenderlo.

Se invece decidete di non informarvi su treni e orari, vi fate i cavoli vostri, vi presentate in stazione dove vi sentite dire: "E' arrivato giusto in tempo: sta partendo l'ultimo treno!", vi sentite automaticamente fortunati e soddisfatti, e avete vissuto tutto il giorno rilassati e senza l'ansia di arrivare in stazione per le 18.

Ora, provate a pensare a quante volte vi è andata bene comportandovi in maniera distratta. O a quanti amici conoscete che vivono perennemente nelle nuvole, ma che nonostante questo riesce sempre a andar loro di culo. Entrano in un negozio il giorno che era in svendita il cellulare che volevano senza avere letto il volantino pubblicitario, comprano il biglietto del concerto degli U2 su internet in un attimo che le linee si liberano nonostante ci sia gente che sia dalla mezzanotte del giorno prima che ci prova. Sono gli stessi che quando perdono un aereo si lamentano di aver avuto sfiga e poi scoprono che l'aereo è caduto (fateci caso, per ogni disastro aereo ce n'è uno che si salva perchè non è arrivato in tempo).

Insomma, da una mia statistica personale ho valutato che sia meglio vivere nell'incoscienza: sei più tranquillo e nella maggior parte dei casi ti va bene. Aumenta il relax e si riduce lo stress dovuto allo sbattersi per informarsi su date, orari, cose da fare. E se anche una volta perdete il treno, dovete vederla come un'opportunità per fermarvi ancora un po'. Pensate se l'aveste perso comunque per un contrattempo anche se siete stati per tutto il giorno con l'occhio all'orologio!

Insomma, bisogna cercare di essere consapevolmente inconsapevoli

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.