Ipnosi camionistica













Ero in Vespa quando sono finito dietro un camion di surgelati. Nella parte posteriore, come succede di solito, approfittano di quell'enorme spazio bianco per tappezzarlo con la pubblicità dei prodotti contenuti e, siccome il camion era un po' zozzo, qualcuno aveva scritto in un angolo LAVAMI.

Nella pubblicità c'era l'enorme faccia di una ragazza sorridente che mi guardava. Io continuavo a andare in Vespa e questa, vi giuro, mi fissava negli occhi. Mi seguiva con lo sguardo. A un certo punto,  non sono più riuscito a staccare gli occhi da quell'inquietante faccione gigante: ero stato ipnotizzato dal camion dei surgelati e completamente in balìa di quella sinistra donna sorridente.

Finchè, arrivato ad una rotonda, sono finalmente riuscito a liberarmene. Ma ormai il danno era stato fatto: il malefico faccione mi aveva impiantato nella mente un comando ben preciso. Un impulso irresistibile che non potevo fare a meno di assecondare. 

E così l'ho fatto. Mioddio, è stato terribile, ma ho dovuto.

Sono corso a casa e ho fatto quello che mi è stato imposto con l'ipnosi camionistica: 

mi sono lavato.

Cani bavolanti e margherite














Stavo chiudendo la porta di casa quando lo sento da lontano: "Dai, andiamo a vedere se ci sono i tuoi amici cani..". 

Lo riconosco subito: è Bruno Lauzi. Cioè..non proprio lui, ma un vecchietto fuori di testa identico a Bruno Lauzi che tutti i giorni passa davanti a casa mia parlando col proprio cane. O con le piante. O con qualunque altra cosa animata o inanimata. Bisogna evitare Lauzi, altrimenti ti attacca un bottone gigantesco raccontandoti le cose più inutili, parlandoti delle condizioni di salute di persone sconosciute o immaginarie oppure, se ti va male, ti da delle bastonate sulle gambe con la sua canna da passeggio.

Sento che dice al proprio cane: "Andiamo a vedere se ci sono i tuoi amici, i cani bavolanti". Ho poi capito che con "bavolanti" intendeva, traslitterandolo dal dialetto e distorcendolo ancora in italiano, "abbaianti". 

E io che pensavo che fossero supercani che balzano e volano. 

I mitici cani bavolanti sono di proprietà dei miei vicini, infatti tutte le volte che vedono Bruno Lauzi col suo cane, bavolano di brutto. Ma i miei vicini e rispettivi animali erano in ferie, e così Lauzi, un po' deluso, ha proseguito per la via. L'ho sentito distintamente allontanarsi mentre commentava un lampione e poi, arrivato in fondo alla via ha fatto un'assolo lirico a un cartello stradale.

Dopo questa piccola parentesi vado in paese dove vengo accolto da un fortissimo "Oooooooooh!!". E' lui, è "Quello Che Urla Fortissimo". 

Quello Che Urla Fortissimo è un signore con l'aria sorniona che passeggia sotto i portici con le mani dietro alla schiena e  mooolto lentamente. Tipo che fa due centimetri per volta. E periodicamente urla fortissimo a caso: "Oooooooooh!!", che se magari gli stai passando vicino e quello urla rischi anche di prendere un infarto.

Quando si stanca di passeggiare urlando, si siede sulla panchina vicino al dehor di un bar e inizia a starnutire ancora più fortissimo: "ETCHUU!". E va avanti così ininterrottamente anche per mezz'ora, per la gioia di quelli del dehor che un po' ridono, un po' gli vorrebbero versare la Fanta in testa.

Scampato anche questo ti puoi imbattere nel Ventosa. Il Ventosa è giovane e ha la caratteristica che a TUTTI quelli che incontra fa il terzo grado; basta passare nel raggio di 5 metri e vieni intercettato: "Ciaotuchisei? Cometichiami? Quantiannihai? Doveabiti? Ioabitoquavicinoanchetuabitiquavicino?". Liberarsene è difficilissimo. Quando finalmente ci riesci, lui si attacca istantaneamente al primo passante come un virus. Teribile.

Oltre a questi c'è la Citrulla. Una tizia cicciona che assomiglia a Arisa, con occhialoni, vestito rigorosamente a pois o fiorellini, tipo quelli che usavano le nonne in campagna trent'anni fa e l'immancabile borsa della spesa di nylon. La Citrulla ha la proprietà fisica di trovarsi sempre a camminare in mezzo alla strada mentre stai arrivando in auto. Prima o poi qualcuno la carica sul cofano.

Infine c'è R. che tutti conoscono per nome e che è la versione blanda del Ventosa. R. parla forte con voce nasale e ripete almeno 3 volte ogni frase. "Oggi è nuvoloso e dicono che piove.Oggi è nuvoloso e dicono che piove. Dicono che piove infatti oggi è nuvoloso". Però sa il nome di tutti, e ogni tanto dice anche delle cose divertenti. Ripetendole tre volte. Ripetendole tre volte. Le ripete tre volte.

Insomma, comincio a pensare che qua intorno di sano rimango solo io!

Ora vi saluto che devo finire di sparare alle margherite, altrimenti viene sera troppo presto.

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.