Ipnosi camionistica













Ero in Vespa quando sono finito dietro un camion di surgelati. Nella parte posteriore, come succede di solito, approfittano di quell'enorme spazio bianco per tappezzarlo con la pubblicità dei prodotti contenuti e, siccome il camion era un po' zozzo, qualcuno aveva scritto in un angolo LAVAMI.

Nella pubblicità c'era l'enorme faccia di una ragazza sorridente che mi guardava. Io continuavo a andare in Vespa e questa, vi giuro, mi fissava negli occhi. Mi seguiva con lo sguardo. A un certo punto,  non sono più riuscito a staccare gli occhi da quell'inquietante faccione gigante: ero stato ipnotizzato dal camion dei surgelati e completamente in balìa di quella sinistra donna sorridente.

Finchè, arrivato ad una rotonda, sono finalmente riuscito a liberarmene. Ma ormai il danno era stato fatto: il malefico faccione mi aveva impiantato nella mente un comando ben preciso. Un impulso irresistibile che non potevo fare a meno di assecondare. 

E così l'ho fatto. Mioddio, è stato terribile, ma ho dovuto.

Sono corso a casa e ho fatto quello che mi è stato imposto con l'ipnosi camionistica: 

mi sono lavato.

2 commenti:

Usagi ha detto...

eh eh eh... ogni tanto è giusto che ti lavi anche tu. per il bene della comunità e di chi ti sta intorno...

Amauroto ha detto...

Dovevi lavare la ragazza, non te stesso!
Certo che i comandi proprio non li capisci...o forse è Usagi che ti ha messo un chip nel cervello in modo che tu fraintenda certi inviti... :D

Discolpatore

Ogni riferimento a cose,
persone, animali realmente esistenti
sono non voluti e frutto di fantasia.

Della VOSTRA fantasia.

Infatti anch’io sono frutto della vostra immaginazione e non esisto.

Per cui se vi sentite offesi e/o turbati e/o chiamati in causa e/o indignati da questi testi, dovete prendervela solo con voi stessi.

O al limite con il vostro psicologo, che sta facendo un pessimo lavoro.

Copyright

Creative Commons License
Campi di Fulmicotone by Il Fulmicotonato è sotto una Licenza Creative Commons.